· 

Stress da regali? Concentriamoci sul significato di ciò che regaliamo!

E' scattata anche quest'anno la corsa ai regali di Natale: le vetrine dei negozi luccicano più del solito, le pubblicità sembrano presentarci sempre di più nuovi prodotti e le strade pullulano di persone alla disperata ricerca dei regali "giusti". In mezzo ad una così vasta possibilità di scelta, raggiungere l'obiettivo non è affatto semplice: nella maggior parte dei casi, infatti, tanto più numerose sono le possibilità, tanto più difficile si rivela la scelta. Per qualcuno, scegliere un regalo è un vero e proprio piacere, per altri, invece, viene vissuto come un obbligo senza particolari significati, qualcosa che si deve fare.

C'è chi sostiene che il regalo migliore in assoluto sia il denaro, l'unico gradito da tutti e che ci mette al riparo da doppioni (anzi, più se ne ricevono e meglio è) o dalla faccia imbarazzata di chi non ha gradito. Il denaro sarà sì un regalo sicuro che permette a ciascuno di acquistare ciò di cui ha realmente bisogno, ma svuota completamente il dono dal suo significato. Un regalo dovrebbe essere molto di più di un oggetto.

 

Pensate a quanto spesso siamo soliti sostituire a "regalo" il termine "pensiero", soprattutto quando la cosa non è di gran valore economico. Ciò che stiamo regalando in quel momento non è qualcosa di cui l'altro ha bisogno o che senza di noi non potrebbe permettersi, ma è qualcosa di ben più prezioso: il nostro pensiero. Scegliere un regalo vuol dire pensare a quella specifica persona, riflettere su quali possano essere i suoi gusti, ragionare sui suoi interessi, stare attenti a distinguere le sue preferenze dalle nostre e molto altro ancora. Vuol dire offrire spazio mentale a qualcuno che ci sta a cuore. Vuol dire mandare un chiaro messaggio.

 

Trovare sotto l'albero una busta contenente denaro è sicuramente di grande utilità, ma volete mettere scartare un pacco e scoprire che il contenuto è qualcosa davvero in linea con la nostra persona? Ricevere un regalo azzeccato significa sentire di essere riconosciuti da chi ce l'ha fatto, cioè sapere che quella persona ci conosce, è attenta alle nostre esigenze e ai nostri desideri, ci guarda, ci ascolta e, quindi, sa cosa potrebbe renderci felici. 

 

Per qualcuno scegliere un regalo può essere comunque molto difficile; pur conoscendo bene la persona ed essendo attento alle sue esigenze, talvolta sopraggiunge anche una certa "ansia da prestazione" che ci fa vivere con insicurezza la scelta. In questo caso, perchè non concedersi una passeggiata tra le vetrine in compagnia del diretto interessato per schiarirsi un po' le idee? Oppure, perchè non evitare il solito oggetto e regalare qualcosa di nuovo, magari un'esperienza? Potrebbe essere anche una cena insieme in un posto mai provato prima o una lezione di ballo/cucina/arrampicata/qualsiasi altra cosa o, perchè no, qualcosa di personalizzato che sia creato apposta per quella persona, magari da voi stessi!

Qualunque sia la vostra scelta, evitate di regalare oggetti privi di un significato. Un dono dovrebbe sempre portare un messaggio a chi lo riceve ed è quest'ultimo ad avere un gran valore.

 

Quest'anno, allora, provate a scegliere i regali seguendo questo consiglio: riflettete su quale messaggio/augurio vorreste trasmettere a quella persona e partite da questo. E, soprattutto, ricordate: il dono è il pensiero, non l'oggetto.


Paola per Tandem

Scrivi commento

Commenti: 0