Camminare in sogno, è possibile per i disabili?

Un interessante studio francese del 2011, condotto presso l' Ospedale di Parigi, svela come, in sogno, la maggior parte dei disabili cammini, corra e svolga attività che normalmente la disabilità impedirebbe loro di affrontare. Questo fenomeno non interessa solo chi è stato colpito da una disabilità nel corso della vita, e che, quindi, in passato non aveva limiti motori, ma anche chi è disabile fin dalla nascita.

Per indagare l'attività motoria nei sogni, i ricercatori hanno raccolto report sui sogni per 6 settimane, grazie alla collaborazione di 15 soggetti paraplegici e di 15 soggetti sani. Dei soggetti affetti da paraplegia, 10 avevano subito un danno alla spina dorsale, mentre i restanti 5 erano affetti da una paraplegia congenita. I dati raccolti riportano come 9 soggetti con paraplegia acquisita su 10 e 5 soggetti con paraplegia congenita su 5, riportano movimenti volontari delle gambe in sogno. Nei sogni, infatti, il 46% dei soggetti cammina, l'8,6% corre, l'8% balla, 6.3% si alza, il 6,3% va in bicicletta o pratica altri sport. I risultati non mostrano alcuna correlazione tra l'epoca d'insorgenza della disabilità e la frequenza dei sogni, mentre confermano come raramente i pazienti siano paraplegici in sogno.

 

Se questi risultati possono sembrare scontati per i disabili che in passato camminavano e che quindi conservano ricordi di tale esperienza, non lo è affatto per chi soffre di una disabilità fin dalla nascita o ne è stato colpito in tenera età. Com'è possibile, allora? Ancora una volta la risposta sta nei neuroni specchio, cioè le cellule del nostro cervello responsabili dell'empatia. Essi si attivano nel momento in cui osserviamo un'altra persona svolgere un'azione, come ad esempio camminare, e si riattivano durante il sogno, permettendoci di provare ciò che proveremmo camminando realmente. Secondo i ricercatori, inoltre, esisterebbe uno specifico programma cerebrale relativo al movimento, funzionante anche in chi non ha mai camminato. 

Di seguito, vi segnalo il link dell'articolo:

 

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21704532


Paola per Tandem

Scrivi commento

Commenti: 0