· 

Cosa insegnare ai bambini?

Vi ricordate la canzone di Giorgio Gaber "Non insegnate ai bambini", dove l'autore consiglia di non imporre ai bambini la nostra morale e la nostra conoscenza, di non fornire loro una verità già confezionata, ma di lasciare che ne costruiscano una loro? Questo cortometraggio della Pixar mi ha richiamato alla memoria proprio questa canzone, con la quale fondamentalmente condivide il messaggio: non insegnate ai bambini cosa pensare, ma come pensare! 

 

Sebbene il messaggio possa apparire semplice e scontato, non lo è affatto: lo stesso sistema scolastico è costruito più attorno alla trasmissione di conoscenze piuttosto che alla capacità di pensiero e riflessione in autonomia, mirando più a fornire risposte più che a stimolare domande. Aiutare un bambino a pensare significa invece porlo davanti a nuove sfide e, ovviamente, anche alla possibilità di cadere in errore, ma ne stimola le abilità cognitive, l'autonomia e l'autostima.

Gaber cantava: "Non li avviate al bel canto, al teatro o alla danza, ma se proprio volete, raccontategli il sogno di un'antica speranza" o meglio, non offrite ai figli i vostri sogni, ma lasciate che ne rincorrano di loro.

 

 

Come rappresentato magnificamente da questo cortometraggio, solo ragionando in autonomia, un bambino può trasformare "un grosso problema" in una meravigliosa cascata di stelle dorate.


Paola per Tandem

Scrivi commento

Commenti: 0